Crea sito

A chiunque stia piangendo di Marco Trogi

A chiunque stia piangendo

Il vuototrogi
la mancanza di materia
di luce.
La totale assenza di sentimenti
valori
l’impossibilità di un senso.

Il vuoto
il deserto di emozioni
di umanità.
La completa assenza di rispetto
compassione
un bicchiere ricolmo di niente.

Il vuoto
lo stesso vuoto che c’era nei tuoi occhi
il buio.
Il freddo gesto che penetra la carne calda
ancora pulsante
implorante di pietà.

Tu, sei il vuoto
che ha profanato quell’anima
che l’ha violentata.
Tu, sei quel vuoto
inversamente proporzionale a quel Dio
che hai ignobilmente bestemmiato.

Tu, sei quel vuoto
io, sono Charlie.

41 Risposte a “A chiunque stia piangendo di Marco Trogi”

  1. Prendere un avvenimento reale e crearci su dei versi non è semplice, si rischia di andare sul banale e prendere “punti” per inerzia, per l’ovvietà del problema trattato. Invece, hai saputo andare oltre e mi hai emozionato! Bravo.

  2. voto per questo testo

    Ho iniziato a leggere questo testo a cuor leggero, poi il finale mi ha colpito. L’ho riletto almeno 3 o 4 volte. Bravo Marco.

  3. Voto per questo testo,
    Ancora un percorso sbagliato ….
    Belle parole Marco

  4. voto questo testo.. leggendolo ho sentito il vuoto palpabile aleggiare nei miei pensieri, il vuoto lasciato da una libertà usurpata… complimenti

  5. Voto questo testo di Trogi.
    Colpisce molto il concetto di vuoto e di deserto che mette in evidenza l’assenza dell’essere

  6. Bravo. Nonostante il refuso è un bellissimo lungo pensiero sulle tragedie di questi tempi. Alfredo

  7. Il vuoto è una condizione con cui tutti noi dobbiamo confrontarci, Marco quel vuoto tu sei riuscito a colmarlo, bravo!

  8. Voto per Marco Trogi perché le sue parole sono profonde e mi hanno fatta emozionare

  9. Voto per il sigor Trogi. Come sempre è riuscito a strapparmi una lacrimuccia. Grazie mille!

  10. “Tu, sei quel vuoto. Io, sono Charlie”: chiusa bellissima e incisiva. Poesia preziosa. Voto questo testo.

  11. Chiedo scusa per un piccolo refuso. Nel terzo verso, la frase è incompleta. quella corretta è la seguente:
    “… lo stesso vuoto che c’era nei tuoi occhi”.
    Ho omesso, purtroppo “nei”.
    Spero vogliate perdonarmi.

  12. VOTO QUESTO TESTO Bellissima poesia. ..esprime benissimo l indifferenza del mondo odierno

  13. voto questo testo
    forte, intenso, doloroso, è una cicatrice che non sparirà mai, ma farà da monito alle generazioni future.
    ognuno di noi grida e piange per Charlie, è anche vero che il loro maledetto vuoto ha avuto l’effetto contrario, di quello che si aspettavano, bravo, dovuto, mi piace tanto Marco Trogi

    1. Molto toccante in certo senso è come fosse stato scritto per mè Grande Marco Trogi Voto questo testo lo merita ……..

I commenti sono chiusi.