Fatto di cronaca di Stella Castolo

Tema: Sette parole (Termina)stella

(Sigla del tg)
“Buongiorno e benvenuti all’edizione straordinaria del tg; subito in collegamento la nostra inviata Stella Castolo”.
“Buongiorno a tutti. Eccoci qui, collegati in diretta da Cassano delle Murge, un paese in provincia di Bari, per un fatto accaduto purtroppo alle porte del Natale. Come tutti sanno quando arriva il Natale questo paesino si riempie di gioia e tanta festosità nelle strade e nelle case degli abitanti. E proprio qui, in una di queste case, si è abbattuta una grave tragedia che ha portato purtroppo ad un episodio di distruzione all’interno di una delle stanze dell’abitazione. I protagonisti di questa vicenda sono la signora Samantha e la sua piccola di quattro anni. Il fatto è accaduto questo pomeriggio intorno alle ore 19.45, mentre le due vittime erano in salotto pensando di trascorrere un pomeriggio tranquillo come altri. Ma ahimé, qualcosa è andato storto e quello che si è verificato subito dopo ha lasciato davvero tutti senza parole.
A raccontarci l’accaduto è stato il marito della signora, che era appena tornato dal lavoro ed entrando in casa ha trovato segni di devastazione e sgomento negli occhi della moglie. A quanto pare, dal racconto fattogli dalla stessa, sarebbe stata lei senza volerlo a scatenare il tutto. Pare che abbia attirato l’attenzione di Violetta, in quel momento sdraiata sul divano, solo con un cenno della mano. La piccola in due secondi netti si è alzata di scatto ed è corsa subito verso Samantha. Purtroppo il grande pupazzo umano non ha calcolato bene la distanza e lo spazio fra il divano e il grande punto luminoso che in quel momento irradiava la stanza e purtroppo non ce l’ha fatta. Da lì il dramma e ovviamente il gelo totale. In un battibaleno Violetta è ritornata al suo posto con le orecchie poste indietro dallo spavento e i sensi di colpa, mentre dall’altra parte della stanza, con ancora la crocchetta in mano, Samantha si è consumata nello sconforto. Infatti è stata dura come possiamo immaginare, vedere il suo gigantesco albero natalizio preparato con grande cura, amore, dopo giorni di fatica e dedizione, caduto per terra, per metà privo di palline e ormai quasi tutte rotte. Vi ricordo che parliamo di un albero alto quasi tre metri, arriva quasi a toccare il soffitto della stanza, e ora è praticamente svuotato degli addobbi e svestito di luci e fili colorati, trascinati per giunta anche dalla forza del corpo della piccola Violetta.
In poche parole, l’albero di Natale è andato distrutto.
Non ci sono altre notizie in merito, ma da alcune fonti vicine siamo riusciti a sapere che la signora Samantha è ancora sotto shock, non si sa se in quel momento abbia avuto voglia di ridere o piangere; lei e il marito sono bloccati ancora nell’appartamento cercando di far tornare tutto come prima, ma come potete immaginare, dopo una collisione simile la situazione è critica e purtroppo mai e poi mai tornerà tutto alla normalità. Intanto alcuni bambini curiosi, spiando dalla finestra, ci hanno fatto sapere che il cane, la piccola Violetta di quattro anni ma anche di 36 chili di tenerezza, sta bene. Pare che abbia preso anche coraggio dopo qualche attimo di titubanza e si sia avvicinata alla sua padrona per cercare di recuperare la sua crocchetta, subito dopo la caduta dell’albero, tutto questo prima di ritornare sul divano.
Ora ci dicono che dorme beata al suo posto, in un sonno profondo, come fosse ignara di tutto.

Termina qui la vita di un albero di Natale, sperando e augurandoci per questa famiglia, che il prossimo anno possa rinascere più bello e luminoso di prima.
Da Stella Castolo è tutto, vi restituisco la linea augurando a tutti un dolce e magnifico Natale.

(Questo testo è dedicato a tutti coloro che amano i pelosi. Se le tragedie fossero tutte così, il mondo sarebbe decisamente migliore)

13 Comments

Comments are closed.