Novella ridicola

Ogni anno la stessa storia. Girano leggende secondo cui la notte tra il 31 ottobre e il primo novembre le anime dei defunti si paleserebbero agli occhi di quelli che li piangono in terra. Ma dico io, che assurdità, ancora credete siano leggende? Loro, i dipartiti, ci sono tutto l’anno e sono assai indispettiti.
Ne conosco molti intrappolati nel mondo dei vivi che, se potessero, sceglierebbero una dimensione più confortevole. Qualcosa che somiglia molto al senso della vacanza perenne. La vita oltre il vivere, appunto.

Parlo proprio di quella notte lì, Halloween. La gente impazzisce, si dimentica di avere un cervello ed è tutto un pullulare di feste sataniche, mascheramenti improbabili, visite senza invito in cimiteri di mezzo mondo, fanciulli convinti che la mela sia uno scherzo e la caramella, il premio (per i dentisti, però).
Il risultato? Marasma, chiasso, alcool, sangue rappreso e incubi per quei bimbi che non hanno dimestichezza col mistero della morte.

Mentre mi gongolo in queste riflessioni inutili quanto le zanzare, un tonfo secco mi riporta alla realtà dei fatti. È Halloween, i custodi cominciano ad arrivare ed io ho voglia solo di grattarmi le ascelle! (Bukowski, lo incontro spesso, un ganzo)
I miei sottoposti servono a limitare il flusso di scambio. Quelli della dimensione invisibile sono elementi eterei ma irritabili. Da voi, impavidi coglioni pensano di spiegare, con i soli mezzi della ragione, tutto quello che appartiene alla vita oscura dei morti. Che controsenso!
Ci scappa sempre il morto, in tutti i sensi.

Rassegnato guardo il tabellone degli accessi che oramai s’illumina minaccioso insultandomi in codice morse.
È Ora di andare, non c’è verso di scansare questa incombenza. Anche questo anno mi devo sorbire lo smantellamento certosino e reiterato di quella poca pazienza fornita in dotazione.
E pensare che ero uno di loro –un vivo- fino a quando, quella notte di tanto tempo fa il telefono ha squillato e la strega che avevo evocato mi disse che non avrei mai più avuto pace, dal quel momento, per l’eternità.
Che scherzetto la vita eh?!

(Nel mio immaginario distorto Ken è il più figo dei guardiani)

12 Comments

  • luisa cagnassi

    Voto questo testo.
    Davvero brava, ottima descrizione, coinvolgente e originale.

  • ilaria

    Bella, ironica, ricca di fantasia, ma nel contempo con i piedi per terra. Voto questo testo!!!

  • Marina Atzori

    Mi è piaciuto per l’originalità e la semplicità. Voto questo testo

  • settegiornidifollie

    Per votare un testo bisogna apporre, nella sezione dedicata ai commenti, nella pagina del pezzo che si desidera votare la scritta “Voto questo testo”.
    Ogni pezzo che riceva un commento, a patto che sia un commento al pezzo, e non un ringraziamento dell’autore o un’eventuale conversazione successiva, varrà come 1 voto, per cui tenete conto della possibilità di farvi sia votare che apprezzare con un commento al pezzo, ottenendo così ben 2 voti.

Comments are closed.