Rovine del passato

Tema: Memorie perdute

A largo di questa esistenza vagabonda, si distinguono a fatica forme distorte di miti assenti e, tra ruderi di epoche andate, le rovine di memorie malmesse appaiono come carni iridate di dolore.
Mentre su labbra lucenti di cupi riflessi gli occhi mondati dal mare simulano innocenza, finendo così, tra liquami e fango, in sorrisi e abbracci perduti nel ricordo di oggi, come reminiscenze cedute al tempo.
Fingere o morire inventando la vita ad ogni bivio; imboccando rettilinei bui dove si dissolve il pudore per poter desistere e, all’ombra della luna, abbandonare l’onere della colpa.
È dietro l’orizzonte che si annida il pensiero, lontano da sguardi tesi in avanti e come silenzioso racconto, aleggia la voce del vivere trascurato.
Dove amore e morte banchettano avidi, l’essenza dell’anima continua sui fili di un passato sbiadito e concede al sogno il diritto di osare.

14 Comments

  • Renata Morbidelli

    Immagini fosche eppur bellissime hanno danzato nella mia mente leggendo questo testo! Lo voto!

  • luisa cagnassi

    Voto questo testo.
    Bellissimo il banchettare di amore e morte. Brava.

  • Marina Atzori

    voto questo testo. “Come silenzioso racconto, aleggia la voce del vivere trascurato.” Brava, mi ha inebriata la tua vena poetica.

  • Roby

    Stupenda! Uno stile originale e contenuti puntuali e profondi. Senza indugio… voto per questo testo.

  • Beltane64

    Per votare un testo bisogna apporre, nella sezione dedicata ai commenti, nella pagina del pezzo che si desidera votare la scritta “Voto questo testo”.
    Ogni pezzo che riceva un commento, a patto che sia un commento al pezzo, e non un ringraziamento dell’autore o un’eventuale conversazione successiva, varrà come 1 voto, per cui tenete conto della possibilità di farvi sia votare che apprezzare con un commento al pezzo, ottenendo così ben 2 voti.

Comments are closed.