Il vuoto di una scelta

In un giorno costipato che arranca
rovinando d’inedia anche la notte
sono finte le parole virtuali
e quelle a muso duro fanno male

Ma le gabbie racchiuse di un sospiro
disegnano impotenti i troppi passi
che girano su ipotesi più lise
e il cielo di un rimpianto si avvicina

E’ musica che arretra il tempo illuso
e avanza le ferite a fine pezzo
allora canticchiavo l’incoscienza
e il sole sorrideva sui miei anni

Ho perso, senza viaggio, un altro treno
e il tuo nome, già scritto mille volte
in archivi, si perde, da annullare
e piaghe da curare avrò ai miei piedi

Ancora busserai dentro il mio sguardo
e forse avrò parole fortunate
ma il mio sarà quel capo che si china
planando la zavorra dei pensieri

Ancora cercherò la prima stella
in rotte da ripetere a memoria
e avrò nel senno d’altri il mio consenso
che ho perso dentro il vuoto di una scelta.

11 Comments

Comments are closed.