Il vuoto dentro me

Scorrono chiare, mute, lente
immagini di noi nella mia mente
del nostro vissuto,nato, costruito,
germogliato, curato ma poi smarrito.
Rivedo noi a scuola unite nei banchi
ricordi nitidi, per niente stanchi;
quello che un tempo insieme siamo state
bambine, adolescenti, sempre spensierate.
Divise poi dagli impegni della vita,
dai doveri inevitabili, sempre in salita,
con la speranza dentro di non perderci mai
non un addio, ma un arrivederci casomai,
che purtroppo fugge come vento fra le mani
e i ricordi pian piano, sembran essere già lontani.
Ma dopo anni quel vento si è placato
e il tuo sorriso a me è ritornato.
Felice di saperti sempre solare
gioiosa, sensibile, così vitale.
Mi volto indietro al trascorso che è stato
tutto di noi non ho mai dimenticato
risate, smorfie, urla di allegria,
tornano i ricordi a farmi compagnia.
Da lì una promessa di un abbraccio vero,
fatto per sentirlo in modo sincero;

“Avremo modo” mi scrivesti tu quel giorno
e colma di gioia pensavo a quel “ritorno”
della nostra amicizia, del nostro bel passato
che dentro di me, mai se n’è andato.
Ma ad una cosa non ho dato il suo valore,
il destino a volte è un perfetto traditore;
sa usare anche le sue armi più meschine
senza lasciare spazio ad un dolce lieto fine.
Quel brutto mostro ha preso il sopravvento
strappando la tua vita, senza darti molto tempo
violando i tuoi sogni ancora da realizzare
le cose a cui tenevi, ciò che amavi fare.
Tanto gelo ora, sento dentro me
mentre la mia anima parla ancora di te,
guardo indietro e in quei banchi ci sei ancora
ma da dove viene questo vuoto allora?
Ma si, da qui, dal profondo del mio cuore
unito a incredulità e tanto dolore,
rabbia per non poterti quell’abbraccio mai più dare
il tempo ha vinto la sua corsa ma voglio ricordare
per sempre dentro me il tuo sorriso raggiante
chissà che non colmi quel vuoto lancinante.
Ti porterò qui, con dolce nostalgia
con affetto dentro me… ciao amica mia.

A Raffaella

14 Comments

Comments are closed.