Come vento su rughe sorprese

Come vento su rughe sorprese
questi giorni di attesa a perdere
spettinano programmi e certezze
e il passato è un futuro remoto

Il mio sguardo che vive un istante
rantola il respiro da più ore
nei pensieri che sono appassiti
e domani è già troppo vicino

Il tempo che non vivo è un sicario
che mi buca la mente dal cuore
nella smorfia sorpresa e sconfitta
che si fissa sui gesti scordati

Le promesse che ieri stringevo
sono già, di domani, i rimpianti
mentre il nulla che ora mi guarda
è uno specchio crepato in profondo

12 Comments

Comments are closed.