L’irraggiungibilecastolo

Scende la pioggia
dietro i vetri di una finestra,
il cielo e le nubi
intrappolano l’aria
così come
i dubbi sui miei pensieri.
Domande
infinite e vuote
vagano in pena
cercando una
anche misera risposta.
Inconsolabile il mio dolore
che insegue
ma non raggiunge
ammira
e si strugge.
Capire
cercare un motivo
che solo tu puoi darmi,
ma rimani muto
incurante
di ciò che mi resta.
Una realtà vera
si sporge ai miei occhi
traditori e meschini.
Li chiudo
affinché io
non possa vedere,
ma è solo un finto rifugio
di bugie e pretesti
di fronte a ciò
che è tremendamente chiaro,
uno scorrere nitido
di conferme a me invisibili.
Spiegami,
perché sentirmi felice
è così irraggiungibile?
Eppure esiste
la vedo
ma la mia mano
invano l’afferra.
Crudeli questi occhi
regalano l’immenso
ma ti fanno così piccola.
Provo a spingermi
oltre le mie forze
sono vicina
sto per sfiorarla,
ma un vento gelido soffia
ed io
priva di ogni speranza
mi lascio cadere.
Posso solo
vederla allontanarsi
scomparire verso sorrisi
che non sono i miei.
Il mio sguardo posato
su ciò che vorrei
provoca
disincanto nel mio cuore
che inerme si volta,
proteggendo quel che resta
di un’anima ormai affranta
da una felicità mancata
e che mai
mi apparterrà.

18 Comments

Comments are closed.