Per una tazzina di caffè

Gusto: Caffè (riserva)

Si sveglio presto la mattina e come sempre si affacciò al balcone e salutò i sudditi del suo Regno!
Comandava su tutti e aveva tutto e viveva una vita certamente agiata, tanti soldi ed una bella moglie da tutti invidiata e da tanti anche desiderata!
Ma il Re aveva un desiderio grande, nel suo Regno non esisteva caffè, e lui che una sola volta aveva assaggiato quella bevanda ospite di un altro Re di un vicino Regno mai l’aveva dimenticata!
Aveva provato a piantar piantine ma niente invitato sudditi a farlo ma niente nel suo regno caffè non cresceva e neanche l’ombra si vedeva!
Finchè un giorno un giovane vagabondo si presentò da lui e gli disse oh mio Re io posso farti bere un bel caffè!
E come faresti di grazia a far ciò tu che vesti di stracci?

Il vagabondo rispose semplice con la magia del caffè!
Ed in cosa consisterebbe questa magia chiese il Re!
Il vagabondo rispose stanotte deve lasciare la Regina sola nella sua stanza e dirle di tenere la finestra aperta tutta la notte e vedrà che un grande uccello gli porterà caffè già bello e pronto e caldo in tazzina e lei glielo porterà e potrà finalmente berlo, però durante la notte qualsiasi rumore senta e qualsiasi cosa succeda nella stanza della Regina mai dovrà entarvi altrimenti l’uccello scapperà e il caffè via si porterà!
Il Re rispose e sia vagabondo e se caffè assaggerò duca ti nominerò ma se caffè non vedrò ordine di decapitarti darò!
Cosi la notte il Re dormi in cucina e la Regina sola nella sua stanza e apri la finestra e dopo un pò il vagabondo da quella entrò e fece l’amore con la Regina tutta la notte!
Il Re sentiva tanti rumori e gemiti provenire dalla stanza ma ricordandosi di ciò che il vagabondo gli aveva detto resistì e non apri la porta!
La mattina il vagabando prese un fornellino vi mise una caffettiera dal quale usci un ottimo caffè che gustò insieme alla Regina, poi ne mise un pò in una tazzina e se nè andò! La Regina usci dalla stanza e portò la tazzina di caffè che egli gustò estasiato! Poi chiese che è successo oh mia Regina stanotte nella vostra stanza? Oh miò Re entrò un grande e bellissimo uccello che tutta la notte con me restò e a mattina questo caffè covò!
Allora il Re convocò il vagabondo e come promesso lo nominò Duca e gli disse che se avrebbe avuto altri caffè altre grandi cose gli avrebbe dato!
Fu cosi che a poco a poco il Re perse tutto Regno e Regina comprese, per una tazzina di caffè!

15 Comments

Comments are closed.