Il gusto preferito

Gusto: Pane

Migliaia sono i modi di recepire questo senso. Le papille gustative sono disposte come una mappa e svolgono un compito determinante. Scientificamente sono cinque i gusti a cui ogni settore si distingue: com’è attenta e pignola la natura!
Li abbiamo tutti lì, vicini l’uno all’altro questi recettori: salato, dolce, aspro, umami (individuato di recente, recepisce i sapori nuovi, come sushi ecc.) e infine l’amaro. Cosa succede però, se questi sapori si amalgamano? Dipende dalla situazione: ed ecco che allora insieme al gusto, occorre la collaborazione della vista e degli altri sensi.
Certo: insieme si associano e si percepiscono più distinte le caratteristiche. L’olfatto poi è indispensabile, non possono scindersi, il riconoscimento sarebbe quasi impercettibile.
Le prime a distinguere il sapore sono le labbra e, quando il cibo arriva a toccarle, già si percepisce un piacere sottile, si pregusta quasi a raggiungere una sorta di amplesso, sino ad arrivare al trionfo del senso trangugiando il boccone del nostro peccato.

Ecco perché si parla di “peccato di gola”. A pensarci bene è un incontro paragonabile a un rapporto tra amanti, passionale e forte: necessario.
Scegliere un gusto a volte diventa impossibile; per esempio io stessa non saprei, in questo momento, quale più mi manda in visibilio.
Il sapore per eccellenza, quello capace di offrire la soddisfazione più completa è quello del pane. Non c’è nulla di più buono del pane. Fragrante e appena sfornato, manda in estasi anche la mente. Con l’aggiunta di un filo d’olio d’oliva è una squisitezza divina!
Lo ritrovo impresso nell’angolo dei ricordi e, pensandoci intensamente, ne percepisco l’aroma e quasi m’inebria. Ritorno bambina quando, all’ora della merenda, nonna esordiva: < Cosa vuoi mangiare, pane burro e zucchero..?>Adoravo quella fetta di pane, amorevolmente spalmata, arricchita da un pizzico di granuli bianchi, la giusta quantità per offrirmi la razione perfetta. Quel sapore mi mandava in estasi. Lo scricchiolio dei granelli sotto i denti, si perdeva nello strato burroso e si scioglieva, lasciandomi totalmente soddisfatta.
Il piacere del pane, lo riscoprivo ancora al mattino, quando la mia scodella di latte macchiato al caffè, si compattava inzuppando i pezzi di pane del giorno precedente, che assorbendo il liquido, si trasformavano in qualcosa di veramente sublime.
Il caffè, insieme al suo aroma è anche tra i preferiti. Un attimo di godimento, un rito quotidiano, che ti da la carica e ti senti rinascere; dura pochi minuti, non te ne rendi conto, ma le tue papille si esaltano e lo trasmettono al cervello, che immediatamente si accende, si carica di energia. Tutto avviene così rapidamente, che nemmeno ne prendi coscienza Un frammento di vita, su cui poche volte mi fermo a riflettere.
E il gelato? Non che ne sia mai andata matta, ma associare i gusti è un arte: pistacchio e crema, stracciatella e gianduia. Frutti di bosco e limone, fragola e una pallina di cioccolato… centinaia gli abbinamenti. Il cioccolato l’elemento più amato dai nostri recettori, ci completa, è un ottimo stimolatore dei sensi. Non sono golosa di gelato, forse perché il freddo mi infastidisce; tuttavia, quando quei sapori si sciolgono, è un’esplosione di piacere, il mio ego si concentra tutto lì, in quel cucchiaino ricolmo di godimento è un altro di quei momenti che svanisce in un attimo e non ti rendi conto di quanto sei stato vicino alla felicità, mentre ti concentravi nell’assaporarlo, dimenticando tutti i tuoi problemi.
Dal mio punto di vista, non sono i gusti di un cibo o una bevanda quelli capaci di farmi sognare. Diverso è il sapore che in assoluto mi rapisce e mi porta in alto, verso méte da sogno: il sapore del bacio. Scientificamente non riconosciuto o catalogato nella rosa dei gusti, ovviamente, ma è divino, afrodisiaco ed esiste; il suo posarsi caldo dapprima lieve e delicato, già ti fa perdere la cognizione; poi osa, l’assapori è sensuale e sa di passione, di vita; sospiri e aspiri sino a che le due bocche diventano tutt’una, si appartengono, le papille si sfiorano, si amano e si desiderano, un godimento che non ha confronto e che accende tutti i tuoi sensi. Percepisci sino all’ultimo fremito di piacere, ti perdi e ti abbandoni. E il gusto si esalta, le labbra ora sfiorano la pelle calda di chi ami, l’assaggi. Quel sapore sa di eternità, lo riconosci è unico e allora le labbra si cercano ancora, perché il fuoco che arde diventi sublime, sino a che non ti abbandoni totalmente. In quel momento il gusto è assoluto, è quello dell’amore condiviso, lo ritrovi attraverso l’olfatto, mentre le labbra infuocate si saziano ancora e non si spegnerebbero mai.
Cosa mai sarebbe la nostra esistenza, se fosse privata delle emozioni scaturite dal gusto. L’amore stesso, non sarebbe che una fredda e sterile condivisione di corpi senz’anima. Menomati, impotenti a raggiungere una soddisfazione così elevata, da condurti in alto, sino oltre le stelle.

27 Comments

Comments are closed.